Seleziona una pagina

La politica nazionale in questi mesi è concentrata su due grandi tematiche: immigrazione e politica economica. Entrambe hanno una forte dipendenza dai margini stabiliti in sede europea.

La questione di fondo infatti è quella della costruzione o della distruzione della casa comune di popoli e stati che fino a qualche decennio fa erano in guerra tra loro e che hanno tentato di unirsi in pace, ma ora incontrano gravi problemi interni.

La crisi economia e il deterioramento della coesione sociale pesano tantissimo in Italia come in Francia, in Germania come in Ungheria. E’ quindi forte la tentazione di tornare indietro rispetto agli impegni presi solennemente con il trattato di Roma e con i successivi accordi.

Anche perchè, bisogna dirlo con sincerità, alcuni stati hanno concepito l’Unione Europea come il proprio impero da dominare e non come un progetto comune da costruire.

Mi sembra interessante riflettere su alcuni spunti offerti da intelligenti osservatori della realtà.

Buona lettura!

http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2018/6/27/SCENARIO-Gli-immigrati-e-il-principio-non-negoziabile-violato-dall-Ue/827602/